Loading...
MAN Lion's City EfficientHybrid_WEB
Dic
12
2019

MAN Truck & Bus Italia ha consegnato il primo MAN Lion’s City EfficientHybrid (diesel-elettrico) a Start S.p.A., la società a partecipazione pubblica che cura i trasporti pubblici nei comuni di Ascoli Piceno, San Benedetto del Tronto e provincia di Ascoli Piceno servizi di noleggio e linee ministeriali verso Roma.

Il MAN Lion’s City EfficientHybrid nell’accattivante livrea bianconera cattura l’attenzione nel centro di San Benedetto del Tronto, ma soprattutto sottolinea l’impegno della cittadina marchigiana sul fronte dei servizi alla cittadinanza e al rispetto dell’ambiente. “Era da tempo che non presentavamo un nuovo bus della nostra flotta pubblica – ha sottolineato il vicesindaco Andrea Assenti nel suo intervento -, quindi ringraziamo Start e MAN che hanno contribuito a questo evento proponendoci un veicolo all’avanguardia assoluta, il primo immatricolato in Italia con questa tecnologia. Un veicolo che sottolinea la nostra volontà di sviluppare un modello di città ‘smart’ e dare risposte concrete e sostenibili per l’ambiente, alle esigenze della cittadinanza”.

Il Lion’s City Hybrid 12C equipaggiato con EfficientHybrid è il primo bus ibrido consegnato da MAN in Italia. È un autobus a pianale ribassato da 12 metri di lunghezza con motore posteriore MAN D1556 Euro 6d; il nuovo sei cilindri di 9 litri per una potenza massima di 243 kW a 1.800 giri/min e una coppia massima di 1.400 Nm da 900 a 1.600 giri. Il cambio è automatico ZF a sei velocità con il rapporto al ponte standard 5,72. L’accesso avviene tramite tre doppie porte a retrotraslazione interna, per carrozzelle e passeggini è presente una pedana manuale e uno spazio dedicato all’interno del veicolo. Nel complesso i posti a sedere sono 24 e quelli in piedi possono arrivare a 83. Molto curata anche l’illuminazione interna con luci led di varie tonalità rivolte verso l’alto, mentre la climatizzazione, oltre al compressore, prevede quattro aerotermi supplementari con termoconvettori.

L’attenzione si deve però concentrare sul motore-generatore elettrico MAN-Nidec montato in uscita al motore termico con la funzione di generatore di corrente, motorino d’avviamento e “boost” alla partenza. Il condensatore di energia Ultracap da 48V si trova sul tetto, mentre il generatore di avvio dell’albero motore montato sul carter del volano del motore assolve due funzioni: durante il rallentamento e la frenata del veicolo funge da generatore, sfruttando l’energia meccanica generata per produrre corrente di recupero; in fase di partenza funge da motore elettrico, trasformando l’energia elettrica ricavata in precedenza in energia cinetica. Il sistema impiega costantemente l’energia accumulata in modo che nel veicolo vengano ridotti il consumo di carburante e le emissioni, l’energia è distribuita quindi automaticamente dando la massima priorità, durante i periodi di sosta, all’alimentazione della rete di bordo. Se il modulo UltraCap dispone di sufficiente energia, il sistema fornisce corrente alla rete di bordo anche con il veicolo movimento e affianca il motore diesel con potenza motrice elettrica. Inoltre, la funzione “start&stop” spegne automaticamente il motore diesel alle fermate e ai semafori consentendo anche ai passeggeri di apprezzare la tecnologia ibrida: oltre a ridurre il consumo di carburante (ipotizzato tra il 15% e il 20%), le relative emissioni inquinanti e il rumore (già molto contenuto) che si riduce a zero. Da segnalare che l’autobus è anche il primo di linea ad essere dotato della telemetria attraverso la piattaforma RIO che consente di seguire costantemente il funzionamento del mezzo e intervenire prontamente qualora i parametri di funzionamento (per esempio temperatura acqua, olio, consumi, sistema propulsione e frenante) dovessero superare i valori soglia prestabiliti.

Tra le altre novità del MAN Lion’s City EfficientHybrid consegnato a Start, da evidenziare la piattaforma priva di ingombri fino alla porta centrale grazie all’arretramento del serbatoio e allo spostamento delle batterie sotto la postazione del conducente. I sedili singoli non sono fissati al pavimento ma alle pareti laterali rendendo più semplice la pulizia del veicolo. Nonostante i rinforzi strutturali per l’omologazione Ece R66.02 (resistenza al ribaltamento) e R29a (urto frontale della cabina guida), la tara è stata ridotta di quasi una tonnellata attestandosi a 11.500 kg. Da segnalare anche il soffitto interno che è ora realizzato in pezzo unico preassemblato e privo di intelaiatura con l’obiettivo di alleggerire la struttura e rendere più regolare la superficie.

“Quando ci è stata proposta l’opportunità di annoverare nella nostra flotta il primo veicolo ibrido MAN immatricolato in Italia, e primo assoluto nel nostro territorio, l’abbiamo colta al volo – racconta Enrico Diomedi, Presidente di Start Spa -. Il rapporto con MAN Italia è consolidato, nella nostra flotta sono presenti altri bus del costruttore tedesco impiegati sia nel trasporto urbano sia sulle linee ministeriali verso Roma e nel noleggio, dove hanno conquistato la fiducia di utenti e autisti per la loro efficienza, affidabilità e comfort di viaggio. Qui, a differenza di Ascoli Piceno, l’altra città dove garantiamo il servizio di trasporto pubblico, non avevamo un nostro distributore di metano e quindi la scelta dell’ibrido è stata la naturale conseguenza per garantire un servizio efficiente e rispettoso dell’ambiente in una città di mare come San Benedetto del Tronto”. Start S.p.A. è stata costituita nel 1998 a seguito del conferimento delle aziende che esercitavano allora il trasporto di persone nell’ambito della Vallata del Tronto e in provincia di Ascoli Piceno. Oggi Start è una società per azioni a partecipazione pubblica i cui soci principali sono la Provincia di Ascoli Piceno e i comuni di Ascoli Piceno, San Benedetto del Tronto oltre ad altri otto comuni più piccoli della Vallata del Tronto.

“Attualmente la nostra società – spiega Alfredo Fratalocchi, Direttore generale di Start S.p.A. -, gestisce i servizi extraurbani nella Provincia di Ascoli Piceno, il trasporto urbano nei comuni di Ascoli Piceno e San Benedetto del Tronto, le linee ministeriali verso Roma con la diramazione verso Fermo e Ascoli Piceno, oltre a offrire servizi di noleggio autobus. Complessivamente Start copre annualmente una percorrenza di circa 6,5 milioni di chilometri e impiega 180 persone. La flotta si compone di 132 veicoli e la presenza di veicoli MAN si è rafforzata negli ultimi anni conquistando, come già detto, la fiducia di utenti e autisti con i modelli diesel tradizionali. Siamo quindi molto curiosi e attenti di ricevere i primi riscontri, in termini di consumi e affidabilità, del nuovo MAN Lion’s City EfficientHybrid che ritengo rappresenti un passo importante verso la mobilità futura. Infatti se il metano garantisce basse emissioni e significativi risparmi nell’acquisto del carburante, nell’esperienza con i bus in servizio ad Ascoli Piceno abbiamo verificato una minore durata e affidabilità dei veicoli, con interventi di manutenzione più frequenti e fermi macchina più lunghi, tutti elementi da tenere in grande considerazione per una corretta ed efficiente gestione della flotta. Sono convinto che le nuove tecnologie, e certamente l’ibrida è tra queste, possano contribuire ad aprire nuovi scenari nell’interesse degli utenti e anche di Start”.