Loading...
e_afas_01
Nov
14
2016

Gli operatori del servizio di gestione e manutenzione delle strade sono soggetti a un rischio elevato, che si può ridurre tramite veicoli attrezzati con segnali e dispositivi di avvertimento ben visibili. Tuttavia, soprattutto in autostrada, si verificano ancora gravi tamponamenti proprio con questi veicoli. Per questo MAN, in collaborazione con altri sette partner del mondo dell’industria, della ricerca e dell’amministrazione, sta sviluppando il prototipo di un veicolo di protezione preventiva che segua senza pilota i mezzi operativi dei cantieri mobili proteggendoli.

Il progetto di ricerca “aFAS”, finanziato dal Ministero federale delle Finanze e dell’Energia tedesco (BMWi) in collaborazione con l’Ente federale tedesco per la gestione della rete stradale e autostradale (BASt), è iniziato già due anni fa e prevede l’impiego di un veicolo senza pilota a guida automatica sulle strade pubbliche. Il progetto “aFAS” si concentra sull’automazione di un camion con segnali mobili di protezione e il prototipo dovrebbe essere testato in Assia sulla corsia di emergenza autostradale.

Il progetto presenta numerose sfide per la scelta di un veicolo senza pilota: si devono infatti rispettare requisiti particolarmente elevati in termini di sicurezza funzionale e quindi di ingegneria automobilistica. Lo sterzo e l’impianto frenante, i sensori, il sistema di rilevamento ambientale e i componenti software di controllo devono rispondere a severi criteri di sicurezza.

Per lo sviluppo sono previsti componenti quasi completamente di serie, sia per il regolare controllo sia per l’implementazione degli aspetti di sicurezza funzionale. L’ambiente circostante viene rilevato per mezzo di telecamere e radar simili a quelli di serie, che prevedono anche un riconoscimento di oggetti, della corsia e degli spazi liberi. Ai sensori si affianca la trasmissione delle informazioni rilevanti mediante un collegamento senza fili tra il veicolo operativo e quello di protezione preventiva.